Fantàsia - fiabe, folletti e fate - Banner

Gli Spettacoli

Giardino - luogo 2Gandalf il Grigio

Gandalf il Grigio

vecchi brontoloni della Locanda del Drago Verde hanno l’abitudine di riferirsi a Gandalf dicendo che è un malvivente, un imbroglione e un vagabondo; e lo stregone di cui parliamo è certo un vagabondo che compare in punti imprevedibili della Terra di Mezzo nei momenti più inaspettati.

La gente pensa sia semplicemente un chiacchierone che parla di draghi, del salvataggio di principesse e degli improbabili colpi di fortuna dei figli delle vedove, un esperto di fuochi pirotecnici e altre piccole magie innocue, evocate per divertire i bambini.

Ma la vera ragione che lo ha portato in questo giardino è …..

di Mauro Paccapelo

Giardino - luogo 3L’Angolo di Eurasia

L’Angolo di Eurasia

I bambini potranno sperimentare il piacere di cavalcare, senza paura, dei pony; adorabili cavalli di dimensioni ridotte, immaginando, come ne Lo Hobbit, di essere cavalieri o principi in sella a magici unicorni.

a cura di Associazione Baio Oscuro

Giardino - luogo 4La casa degli Gnomi

La casa degli Gnomi

Vestita in modo buffo, che ricorda i boscaioli della montagna, Lucia si trascina in scena una casetta montata su ruote con le pale di un mulino a vento sulla facciata, è la Casa degli Gnomi. La casa si anima ben presto della vivace presenza dei custodi dei segreti e dei tesori dei boschi. La storia e la casa divengono parallelamente una sorta di giocattolo/scatola che si apre, lasciandosi scoprire a poco a poco, permettendo ai bambini di curiosare nella vita quotidiana di questi personaggi, che spariscono e riappaiono in un felice gioco di scomposizioni.

Lucia, dentro la casa, come Alice, ha la capacità di farsi piccola piccola - che è poi la straordinaria dote che le consente di entrare in perfetta sintonia con il pubblico dei bambini - per entrare materialmente nel mondo degli Gnomi, facendosi un tutt’uno con i suoi pupazzi.

di Lucia Osellieri

Giardino - luogo 5I doni dello Gnomo

I doni dello Gnomo

Cesare Bardaro detto Bardarossa, se in luglio si trasforma in Fra’ Cipolla per le vie di Certaldo, in giugno ha invece ancora il suo aspetto naturale di Leprecauno, lo gnomo irlandese (ma parla anche in italiano) che abita nel tunnel a lui intitolato a Fantàsia.

Di lavoro fa il calzolaio delle Fate, ma quando è a Gambassi il suo compito è quello di distribuire ai bambini che sapranno rispondere ad una sua domanda un pezzo di carbone, che il giorno dopo potrebbe trasformarsi in una manciata di monete d’oro. Beve solo birra Guinnes e detiene il primato di pinte bevute in un solo giorno.

Grazie al suo particolarissimo orologio sa dire che ora sia in quel momento in qualsiasi parte del mondo

di Cesare Bardaro

Giardino - luogo 6La danza delle fate

La danza delle Fate

Nel magico giardino di Fantàsia si svegliano le fate silvestri, danzano le fate dell’acqua mentre gli elfi burloni ordiscono giochi...

a cura di Alteadanza ASD

Alice e il professore

Una sera di luna piena, un po’ di tempo fa, un tale professore torna a casa da solo nel freddo inverno…
Per lui è una sera qualsiasi di un altro giorno uguale a un altro…
La sua casa triste, polverosa…gli apre il sipario della solita solitaria sbronza …
Ma…qualcosa di insolito lo aspetta proprio quella notte!
La sua mente si risveglia e proietta in un mondo irreale i suoi più profondi desideri fino a condurlo tra le pagine di uno dei suoi racconti più cari…auguri professore!

“Eccomi…mi vedo…ti vedo..
So chi ero quando mi sono alzato stamattina,
Ma da allora devo essere cambiato diverse volte
Fino a mutarmi in te…mia dolce Alice”

a cura di Myosotis Accademy

Giardino - luogo 8Il Fisarmonichiere

Il Fisarmonichiere

Nicola Corsinovi è un fisarmonicista in evoluzione costante, insegnante di fisarmonica ed artista di strada. Il suo progetto, “Fisarmonika Akustica”, è un repertorio di canzoni, di lontane e vicine provenienze, italiane, argentine, brasiliane, balcaniche, ungheresi, francesi, irlandesi, un percorso musicale in cui vengono valorizzate le potenzialità della fisarmonica nella sua versione autentica e pulita, quella acustica.

In mezzo a tutto il caos del festival, in un angolo dove si possa riposare un’attimo, c’è sempre il musicista, colui che vive di musica e fa rinascere ogni persona grazie ad essa. Il viaggio si ferma solo con un sorriso, un accenno di gratitudine con chi ascolta, e via di nuovo si parte!

di Nicola Corsinovi

Giardino - luogo 9La Fata Foglia

La Fata Foglia

Foglia è un’elfa, vive sul pianeta Cantor dove, insieme ai suoi simili, si nutre di foglie, fiori e frutti, praticando uno stile di vita del tutto naturale ed incontaminato.

Talvolta viene mandata in missione sulla Terra, dove si trova a camminare per le strade, incuriosita, tra visi sconosciuti. Ama la musica, infatti con sé, nei suoi viaggi, porta sempre un’arpa, sua inseparabile compagna con la quale intrattiene e affascina i viandanti di tutte le età, con storie e racconti di antiche leggende.

Grandi e piccini si sentiranno trasportati dal dolce e melodico suono dell’arpa in un viaggio magico ai confini tra sogno e realtà.

Il suo scopo sulla Terra è quello di ammaliare le genti per farle innamorare di se stesse e del creato, aiutarle a connettersi con la loro anima ed il loro cuore.

di La Casa degli Elfi

Giardino - luogo 10La Gola di Féldor

La Gola di Féldor

È lo spazio degli Arcieri elfici che recluteranno bambini coraggiosi per allenarli al tiro con l’arco.

a cura di Associazione Arcieri di Certaldo

Giardino - luogo 12Prodigi Bollistici

Prodigi Bollistici

Spettacolo divertente, irriverente e al limite dell’assurdo, dove le bolle di sapone sono il pretesto per coinvolgere il pubblico e fargli compiere esercizi comici e apparentemente pericolosi. Non mancano le bolle più spettacolari: di fumo, fuoco e luce, le bolle giganti e le migliaia di piccole bolle, che si intervallano a momenti di più tradizionale clownerie cabarettistica.

Mastro Bolla segue il ritmo serrato delle sue musiche, che canta e suona in scena utilizzando strumenti elettronici, e scandisce il tempo del suo estro e delle sue bolle.
Alla fine il pubblico è invitato a fare le bolle e Mastro Bolla si occupa di insegnare e continuare a divertire.

Giardino - luogo 13Il sentiero del Fiabosco

Il sentiero del Fiabosco

Qualcosa sta sconvolgendo la vita serena del Fiabosco, gli abitanti hanno trovato delle tracce sospette, strani oggetti... chi li aiuterà a risolvere il mistero?

Il gioco segue un percorso in un’area delimitata, dove i protagonisti saranno i piccoli esploratori che avranno l’occasione di conoscere e aiutare gli abitanti a scovare il furfante che ha sconvolto la naturale magia del Fiabosco.

a cura di Associazione Greenbassi

Giardino - luogo 14Bottega di Geppetto

Bottega di Geppetto

Laboratorio sul legno

Non uno spettacolo, ma un vero e proprio laboratorio della creatività attraverso l’uso del legno.

Un allestimento molto semplice: alcuni tavoli, decine di arnesi da falegname, adatti a lavorare il legno, un’enorme quantità di pezzi di legno delle più svariate forme e dimensioni, tre animatori per aiutare, per stimolare e consigliare, per utilizzare gli strumenti più difficili. Tutto questo a disposizione di un pubblico familiare, dove padri e figli si improvvisano volentieri “Mastro Geppetto” per dar vita ad una scultura, un aeroplano, un burattino, un giocattolo che ognuno potrà portarsi a casa.

a cura di Fantulin

Giardino - luogo 15Tante storie

Tante storie

La Grande ruota della Fortuna, i Tarocchi Giganti.

Il gioco è quello di conoscere il proprio futuro in maniera tra il serio, lo scherzoso e il teatrale. Il ‘passante’ farà girare la ruota sei volte per scegliere altrettanti tarocchi che saranno esposti sulla teca. Comincerà subito la lettura dei tarocchi, come?
Lo “spettaTTore” vuole una intepretazione privata? Ecco che la lettura dei tarocchi si farà intima e sussurrata, perfino seria. Se invece si è disposti a giocare fino in fondo il proprio ruolo di “spettaTTore” ecco che la lettura viene fatta ad alta voce, teatralizzata e capace di coinvolgere anche il pubblico che a questo punto si è di certo fermato.

Anche i Tarocchi sono speciali, ispirati a logiche, filosofie e microcosmi intrecciati. Realizzati da Paolo Pecchioli su sfoglia d’oro.

L’organetto di Barberia.

Arricchisce la scena e, nei momenti di non lettura, Alessandro Gigli racconterà freddure e filastrocche suonando l’organetto di Barberia.

di Terzostudio/Alessandro Gigli

Giardino - luogo 15Per la strada di Brema

Per la strada di Brema

L’associazione VIENITELORACCONTO in collaborazione con la Compagnia dell’Atto comico presenta lo spettacolo “Per la strada di Brema”, tratto dalla famosa fiaba dei fratelli Grimm.

Cinque attori ci faranno conoscere i desideri di 4 animali nel diventare grandi artisti della musica. All’interno della storia si avvicenderanno i personaggi che cercheranno di coronare il loro grande sogno. Ma cosa succederà quando arrivati al concerto gli animali si troveranno senza strumenti per suonare? L’aiuto del pubblico si rivelerà fondamentale poiché con l’utilizzo degli strumenti costruiti prima dello spettacolo aiuteranno gli animali a diventare i più grandi musicisti di tutti i tempi.

Performance degli attori di VIENITELORACCONTO
In collaborazione con gli attori della COMPAGNI DELL’ATTO COMICO

Giardino - luogo 15Non perdere il filo

Non perdere il filo

Spettacolo di marionette a fili

Buffi pagliacci di legno, pirati poeti, rottami parlanti, un robot con una moka al posto della testa, un’affascinante ballerina, fantasmi canterini... prenderanno vita appesi ai fili sottili della fantasia. E ci condurranno in un mondo in miniatura, dove le proporzioni si stravolgono e anche l’adulto torna bambino…

Otto personaggi per altrettante microdrammaturgie che si susseguono a ritmo incalzante. Riferimenti musicali che ammiccano allo spettatore e sorprese di ogni genere, per uno spettacolo divertente, inaspettato, a tratti anche poetico. Le piccole storie sono legate da un unico filo conduttore: la paura in tutte le sue forme e sfaccettature. Paura del diverso e dell’inspiegabile, paura dell’amore e della morte, paura di crescere e di non crescere mai. Paura che sarà burlata, ribaltata, accettata e trasformata in occasione di riflessione e di risate.

di Terzostudio/All’InCirco

Giardino - luogo 16Gioca la piazza

Gioca la piazza

Trenta giochi da tavolo, in legno e materiali poveri che trasformano una piazza in un’area di gioco e divertimento per tutta la famiglia.

La forza dell’animazione sta nella sua straordinaria capacità di offrire un’attività ludica e ricreativa non banale e attiva che ha come protagonisti i visitatori, che giocano e si divertono in prima persona vivendo diversamente il giardino di Gambassi Terme.

a cura di Terzostudio, Progetti per lo Spettacolo

Giardino - luogo 17Giardino - Pirati!

Pirati!

Yo oh! Capitan Quattrossa e il suo Nostromo sono approdati con la loro zattera sui vostri lidi!
Due simpatici pirati cercano una nuova ciurma di piccole canaglie. Con giochi a tema, addestramenti demenziali e prove di coraggio di ogni genere, i mezzi mozzi potranno dimostrare se hanno la stoffa del vero pirata. Arrrh!

a cura di Memento Ridi

Giardino - luogo 18La Biblioteca di Hogwarts

La Biblioteca di Hogwarts

Suggestioni...

Parole contrariate.
Natura, razionalità, realtà, immaginazione.
Funzionando... naturalmente.
Lo specchio giocherellone.
Quanti significati ha un numero?!

a cura di Gigliola Burresi

Associazione Astrofili Certaldo

Associazione Astrofili Certaldo

Anche quest’anno parteciperanno a Fantàsia gli Astrofili, che vi faranno ammirare la costellazione del Cigno.

Il Cigno è una delle costellazioni più belle.
Secondo la tradizione greca l’origine della figura del cigno è legata alle imprese amorose di Zeus che, per conquistare Nemesi, chiese alla dea Afrodite di trasformarsi in aquila. A sua volta Zeus si trasformò in cigno e finse di farsi rincorrere dall’aquila, per cercare rifugio tra le braccia dell’inconsapevole Nemesi che l’accolse. Zeus nel sonno abusò di lei e per evitare che qualcuno sospettasse l’accaduto Zeus pose in cielo la sua figura alata di cigno assieme a quella dell’aquila.

I cercatori di stelle si muoveranno all’interno del Giardino di Fantàsia cercando la postazione perfetta....inseguite il telescopio e troverete la vostra stella!

La Mappa

Fantàsia - Mappa

Gli eventi

Wonderland: una folle serata nel Paese delle Meraviglie

Wonderland: una folle serata nel Paese delle Meraviglie
Venerdì 16 giugno, ore 20.30 - Cena a Tema

FEshion Eventi, in collaborazione con I Muffins Spettacoli, presenta un folle viaggio nel Paese delle Meraviglie: una divertente serata tra sapori, giochi, canzoni ed intrattenimenti!
Il Bianconiglio corre perchè è sempre in ritardo, mentre un matto Cappellaio prende il thè per festeggiare il suo non-compleanno, una Regina di Cuori si diverte ad emanare sentenze di morte e bizzarre carte colorano di rosso le rose bianche del giardino della Regina! È follia?!?!
No...è Wonderland!!!
Venite con noi a fare un folle viaggio nel Paese delle Meraviglie con il magico intrattenimento de I Muffins: una divertente serata tra sapori, giochi, canzoni ed intrattenimenti, tutti a tema Wonderland!
Appuntamento alle 20.30. Non tardate...o la regina rossa vi taglierà la testa!!!!

info e prenotazioni: Ristorante Boscotondo via Volterrana 19, Gambassi Terme tel. 0571 678006

Cluedo vivente

Cluedo vivente
Sabato 17 giugno, ore 21.30

Il Cluedo Vivente è un mix tra gioco di ruolo / gioco con delitto / gioco urbano / caccia al tesoro. I personaggi del celebre gioco da tavolo Cluedo, più un investigatore/presentatore, sono nel Cluedo Vivente attori in costume preparati allo svolgimento del gioco.
I partecipanti al gioco saranno suddivisi per squadre e dovranno risolvere tramite prove ed indovinelli la soluzione, relazionandosi con i personaggi; i primi che arrivano alla soluzione si aggiudicheranno un premio.

info e prenotazioni: FEshion Eventi 349 5878324

Fantàsia - fiabe, folletti e fate
Il giardino delle meraviglie
Gambassi Terme, Parco Comunale 17.18 giugno 2017

Di Fantàsia questo è il regno / e a mostrarvelo m’impegno / non è al sud, neanche in Asia / questo regno di Fantàsia / voglio usare molti nomi / incomincio con gli gnomi / hanno lì un bel villaggio /sotto un albero di faggio / e ci sono anche i pirati / molto brutti e malandati / sono in cerca di un tesoro / uno scrigno pieno d’oro / dico Alice, ma di fatto / io non vedo lo Stregatto / ma se porti anche tuo figlio / puoi incontrare il Bianconiglio / c’è una Fata tra gli ulivi / che vi vuol tutti giulivi / sta ballando con le altre / che son furbe e molto scaltre / ed in piazza c’è il mercato / che qualcuno ha colorato / ci son cose molto belle / le mutande con le stelle / e di legno sono i giochi / e ci sono bravi cuochi / e con l’arco c’è gli arceri / e i pony son destrieri / si racconta con il cuore / una storia a tutte l’ore / c’è il teatro, che meraviglia / dice il padre alla sua figlia / altri giochi son di ruolo / che ti cadano a fagiolo. / Filastrocca fantasia / qui non siamo a casa mia / ma nel parco di Gambassi / senza buche e senza sassi / ma nessuno è mai perfetto / per entrare c’è un biglietto / fantasia si dà convegno / a Fantàsia in questo regno / e senza preavviso / vi saluto con un sorriso!